martedì 16 dicembre 2014

Frustingolo ricetta tipica delle Marche per L'Italia nel Piatto


Oggi è il 16 dicembre, e come ogni mese in questa data c'è la rubrica di ricette regionali L'Italia Nel Piatto ...
Cosa ci fa una ricetta marchigiana?
Questo mese come regalo di Natale, ci siamo scambiati,  una ricetta ed ecco il risultato....
Beh io mi sono cimentata nel preparare "il Frustingolo marchigiano", un dolce tipico delle Marche composto da fichi secchi, mandorle, noci, farina integrale, miele ed ha la particolarità di assumere nomi diversi a seconda del luogo di produzione.
Mi scuso con Sabrina del blog lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it , se la ricetta non è perfetta, lei è bravissima ed i suoi piatti sono fantastici!
Grazie SABRINA!!




                                                                Ingredienti
                                                                gr. 500 di fichi secchi
                                                                gr. 100 di noci sgusciate
                                                                gr. 100 di mandorle pelate
                                                                gr. 80 di miele
                                                                gr. 150 di farina integrale
                                                                gr. 100 di pangrattato
                                                                gr. 80 di zucchero semolato
                                                                gr. 100 di uvetta sultanina
                                                                gr. 50 di pinoli
                                                                gr. 50 di canditi
                                                                gr. 90 di cioccolato fondente tritato
                                                                gr. 50 di cacao
                                                                una tazzina di caffè
                                                                scorza di limone e di arancia
                                                                olio extravergine d'oliva
                                                                qualche cucchiaio di anisetta

Ammolliamo in acqua tiepida i fichi per una notte, tritiamoli e mettiamoli in una terrina con l'uvetta ammollata. Uniamo il miele,lo zucchero, i canditi, le noci, le mandorle e i pinoli, tutti tritati grossolanamente (teniamo da parte alcuni frutti interi per la decorazione). Aggiungiamo il cioccolato fondente tritato, il cacao, la farina integrale e il pangrattato. Ammorbidiamo il composto con il caffè e qualche cucchiaio di anisetta.

Completiamo con la scorza di arancia e di limone grattugiata. Amalgamiamo bene, aggiungendo un poco di olio ottenendo un composto compatto e morbido. Versiamo in un tortiera unta di olio, livelliamo il composto decorandolo con la frutta secca tenuta da parte.


Dopo la decorazione inforniamo a 160° per circa un'ora.



Trentino-Alto Adige:  Gli spaghetti della vigilia a Palma Campaniahttp://www.afiammadolce.it/2014/12/spaghetti-della-vigilia-palma-campania.html
  




Piemonte: 




Toscana: Tozzetti ai pistacchi, ricetta del Lazio http://acquacottaf.blogspot.com/2014/12/tozzetti-ai-pistacchi.html


Abruzzo:Frustingolo ricetta tipica delle Marche

  










martedì 9 dicembre 2014

Tarallucci olio e vino



Si tratta dei tipici dolci della tradizione abruzzese, i tarallucci o meglio "celli pieni", o in gergo “gaggenette”, una sfoglia croccante ripiena di marmellata d'uva nera, mandorle, noci tritate, mosto cotto, scorza d'arancia, hanno quel profumo inconfondibile e  mediterraneo che non potro’ mai scordare. Ricordo quando la mia mamma li preparava... eh sì!  sono proprio i miei dolci preferiti.
Mi ricordo la mattina di Natale appena sveglia  il profumo di caffè salire dalle scale e subito appena infilate le pantofole scendevo in cucina ed ecco li ad aspettarmi la mia tazzina di caffè bollente e i
tarallucci, delicati e friabili, ma anche semplici, buoni, leggeri,dalle forme più piccole alle più grandi,che per tradizione non può mancare sulla tavola abruzzese per il pranzo di Natale.


Ingredienti:

Sfoglia:

1kg di farina 00
200 gr zucchero
2 bicchieri di olio evo
2 bicchieri di vino bianco

Ripieno:

Marmellata d'uva nera abruzzese
noci tritate
mandorle tritate
cioccolato fondente
mosto cotto 2 cucchiai
scorza di 1 arancia

Zucchero a velo

Procedimento

Su di una spianatoia disporre la farina , al centro lo zucchero, l'olio e il vino bianco.
Amalgamare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo. Tagliare delle strisce di pasta stendere con il matterello al centro disporre le palline di marmellata d'uva, creare dei ravioli e chiuderai a cerchio. Infornare a 180 gradi per una decina di minuti.
Appena raffreddati spolverizzare con zucchero a velo.
Per il ripieno si utilizza la marmellata d'uva composta con noci tritate, mandorle tritate, cioccolato fondente a pezzetti e mosto cotto.

Con questa ricetta partecipo al Contest:



martedì 2 dicembre 2014

Il Parrozzo per L'Italia nel Piatto


Buongiorno, eccoci giunti a Dicembre...
Oggi si pubblica per la rubrica l'Italia nel Piatto, e si parla di "Ricette Natalizie".
 Per l'occasione ho scelto : Il Parrozzo, simbolo dolce della città dannunziana, Pescara, associato alle tradizioni gastronomiche del Natale, un dolce nato tra le strade del vecchio borgo, dopo la I guerra mondiale, da un già noto pasticcere Luigi D'Amico, che nel 1920, decise di trasporre "il pane rozzo" dei contadini abruzzesi in versione dolce. Il Parrozzo ha la forma di una cupola, rievoca il giallo interno per via della farina di granturco, con le uova e lo scuro della cottura al forno, con il cioccolato.
Ad assaggiare per primo la creazione di Luigi fu un suo carissimo amico, Gabriele D’Annunzio che rimase talmente colpito dalla bontà del dolce da dedicargli un madrigale “La canzone del Parrozzo”
“È tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè, c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove, la terre grasse e lustre che se coce… e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunqua cosa ddoce…”


Ecco gli Ingredienti per una Torta:

200 gr di zucchero
150 gr. di cioccolato fondente
150 gr. di semolino
200 gr. di mandorle dolci
6 uova
7-8 mandorle amare
buccia grattugiata di un limone
burro q.b.

Procedimento:

Tritare le mandorle e mescolarle con il semolino e la buccia del limone grattugiata; si aggiungono gli albumi montati a neve, i rossi e lo zucchero.
Si versa il composto in uno stampo a cupola imburrato ed infarinato e si mette in forno a 180/200 gradi per 45 minuti. Dopo la cottura lasciare raffreddare e spalmare interamente con il cioccolato fondente sciolto a bagnomaria.


Il nostro blog - http://litalianelpiatto.blogspot.it/


Trentino-Alto Adige: Husarenkrapfenhttp://www.afiammadolce.it/2014/12/husarenkrapfen.html
  

Lombardia: Il torrone di Cremona

Valle d'Aosta: 

Piemonte: 







Abruzzo:Il Parrozzo 




Basilicata: Fritti di Natale - calzoncini, rosette e cannaricoli

Campania: Spaghetti alle vongole veraci, piatto della vigilia - http://www.isaporidelmediterraneo.it/2014/11/spaghetti-alle-vongole-veraci-piatto-della-vigilia.html




Sardegna: 





domenica 30 novembre 2014

PLUMCAKE AL LIMONE

.



Buona Domenica!!

Oggi ho preparato un dolce molto delicato, aromatico, ideale per la colazione, ma anche per una gustosa merenda.


Ingredienti:

4 uova intere
200 gr di zucchero
200 gr di farina
135 gr di olio extravergine d'oliva
25 gr di succo di limone
buccia grattugiata di due limoni
20 g di acqua
Lievito

Procedimento:

Mescolare lo zucchero con la buccia grattugiata dei limoni, aggiungere le uova, il succo dei limoni e l'acqua. Montare con le fruste fino ad ottenere un impasto cremoso, terminare con la farina e il lievito. Versare il composto nello stampo unto ed infarinato e infornare a 180 gradi per circa 55
minuti. Sfornare il dolce e appena raffreddato spolverizzare con zucchero a velo.










domenica 16 novembre 2014

Funghi all'abruzzese per L'Italia nel Piatto




Buongiorno!
Oggi si pubblica per la rubrica L'ItaliaNelPiatto, si parla di:
 "I Doni Del Bosco".
Siamo in Autunno, una delle stagioni più affascinanti per visitare il Parco d'Abruzzo; infatti le foreste si colorano di toni che vanno dal giallo all'arancio, dal rosso al marrone, un' atmosfera davvero suggestiva.
Oltre ai caldi colori del bosco, è bello scoprire la grande varietà di frutti su alberi e arbusti,  la fragranza che emana il suolo dopo le prime piogge autunnali, così da imbattervi in un incredibile varietà di funghiOvoli, Porcini, Prataioli, Pioppini, Spinaroli, Mazze di Tamburo e tanti altri.

In Abruzzo la raccolta dei funghi viene praticata per lo più nei territori dell’Aquilano e del Teramano. È nei boschi di Querce, nei Castagneti, nei faggeti che li troviamo, nel sottobosco, seguendo i sentieri fitti di vegetazione.





Io ho usato i Funghi per preparare questa ricetta:


Ingredienti:
600 gr di funghi misti(Ovoli, Porcini, Prataioli, Pioppini)
2 spicchi di aglio rosso di Sulmona
prezzemolo tritato
olio evo q,b.
sale

Preparazione:
Preparate un trito d'aglio e prezzemolo che farete soffriggere. 
Aggiungete i funghi precedentemente tagliati.
Aggiustate di sale e fate cuocere per una trentina di minuti a fuoco moderato.






Ed ora Vi invito a scoprire le altre ricette:



Trentino-Alto Adige: Crostatine ai funghi mi sti di bosco

http://www.afiammadolce.it/2014/11/crostatine-ai-funghi-misti.html
  
Friuli-Venezia Giulia: Strùcul di mont 
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2014/11/strucul-di-mont-rotolo-di-castagne-e.html 

Lombardia: Foiade di castagne ai funghi porcini

http://kucinadikiara.blogspot.com/2014/11/foiade-di-castagne-ai-funghi-porcini.html

Veneto: Budin con la farina de maròn

http://ely-tenerezze.blogspot.com/2014/11/budin-con-la-farina-de-maron.html 

Valle d'Aosta: Risotto alle castagne http://atuttopepe.blogspot.com/2014/11/risotto-alle-castagnela-valle-daosta.html


Piemonte:


Liguria:  tocco de funzi

http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/11/litalia-nel-piatto-i-doni-del-bosco.html

Emilia Romagna: Tagliatelle di castagne con sugo di funghi 

 http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/11/tagliatelle-di-castagne-ai-funghi.html

Lazio: Frittelle di castagne e mele

 http://beufalamode.blogspot.com/2014/11/frittelle-di-mele-e-castagne.html

Toscana: Necci

http://acquacottaf.blogspot.com/2014/11/necci.html

Marche:  Il tartufo e la 49° fiera nazionale del tartufo bianco di Acqualagna

 http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2014/11/il-tartufo-e-la-49-fiera-nazionale-del.html

Abruzzo:Funghi all'Abruzzese

http://ilmondodibetty.blogspot.com/2014/11/funghi-allabruzzese-per-litalia-nel.html

Molise: Zuppa di lenticchie di Capracotta e castagne

http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2014/11/zuppa-di-lenticchie-di-capracotta-e.html

Umbria: Costolette d'agnello con roveja e tartufo

http://amichecucina.blogspot.com/2014/11/costolette-dagnello-con-roveja-e.htm

Basilicata: Polpette al vino rosso con cardoncelli e lampascioni in agrodolce

http://blog.alice.tv/profumodicannella/2014/11/14/polpette-al-vino-rosso-con-cardoncelli-e-lampascioni-in-agrodolce-il-bosco-lucano/

Campania: Non partecipa



Puglia: Recchjetèdde e cardengiedde - http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2014/11/recchjetedde-e-cardegiedde.html


Calabria: Il castagnaccio dei monti Reventino, Tiriolo, Mancuso

http://ilmondodirina.blogspot.com/2014/11/il-castagnaccio-dei-monti-reventino.html

Sicilia: Non partecipa


Sardegna: Fregola con funghi e salsiccia ricetta sarda http://blog.giallozafferano.it/vickyart/fregola-con-funghi-salsiccia-ricetta-sarda


Il nostro blog - http://litalianelpiatto.blogspot.it/


mercoledì 12 novembre 2014

Minestra di Lenticchie ed Orzo Perlato





La minestra di lenticchie ed orzo perlato è una zuppa composta da legumi e cereali molto gustosa,
una ricetta semplice e sana, un primo piatto nutriente, caldo, buono, ottimo per le sere invernali più fredde e molto facile da fare, infatti a casa mia si mangia almeno una volta a settimana.




Ingredienti per 4 persone:


125 gr di lenticchie
125 gr do orzo perlato
50 gr di pancetta a dadini
1 cipolla
1 carota
1 patata
1 dado vegetale
2 litri di acqua
sale


Sbucciare la cipolla, lavare e raschiare la carota, quindi tritare tutto con il coltello.
Mettere le verdurine in una casseruola, unire le lenticchie, l'orzo, la patata precedentemente sbucciata, lavata e tagliata a dadini, la pancetta, i due litri di acqua e salare.
Mescolare e lasciare che riprenda il bollore, aggiungere il dado e fare cuocere per circa 30 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Cospargere con un filo di olio a crudo e servire.



Con questa Ricetta Partecipo al Contest di Kucina di Kiara



lunedì 10 novembre 2014

Finger Food: Millefoglie di patate




Oggi vi propongo una ricetta semplice e veloce da realizzare , quando ci ritroviamo con ospiti inaspettati.
Vi assicuro un vero successo, perché è un piatto gustoso che può essere servito sia come antipasto, sia come contorno affiancato a secondi di carne, o come piatto unico da abbinare con una bella insalata


INGREDIENTI

4 patate
200 gr di provola
80 gr di prosciutto cotto
2 cucchiai di grana
rosmarino q.b.
olio evo
sale


PREPARAZIONE

Sbucciare, lavare e tagliare le patate a fette sottili nel senso della lunghezza, tritare il rosmarino.
Disporre le fettine di patate su una teglia con carta da forno , condire con un filo di olio, sale ed il trito di rosmarino, cuocere in forno a 200 gradi per 15 minuti, dovranno risultare croccanti. Sfornarle e comporre la millefoglie, alternando una fetta di patata, una di provola, una di prosciutto terminando con una fetta di patate ed una spolverata di grana.
Passare le millefoglie in forno a 180 gradi per 5 minuti. Servire caldi.

sabato 8 novembre 2014

Torta con mele e cioccolato




Una torta profumatissima, delicata, è quella che ci vuole per colazione o per una pausa golosa. La consistenza morbida della pasta e il buon sapore delle mele rendono questo dolce davvero delizioso.
Inoltre priva di glutine,  potrà essere gustata anche dai celiaci.





Ingredienti:

150 gr di amido di mais
150 gr di fecola di patate
3 uova
270 gr di zucchero
30 gr di gocce di cioccolato
1 arancia
380 gr di mele
1 limone
1+1/2 di cucchiaino di lievito


Montare il burro con lo zucchero, aggiungere la scorza grattugiata del limone e le uova.
Unire al composto ottenuto l'amido di mais, la fecola ed il lievito, amalgamare ed aggiungere le gocce di cioccolato.
Versare l'impasto in una tortiera ricoperta di carta forno e distribuire le fettine di mele in superficie.
Infornare a 180 gradi per 50 minuti.




Con questa ricetta partecipo al contest 
La Melavigliosa, promosso da 
Tuttomele 2014 Cavour
 (dall'8 al 16  Novembre) in collaborazione con U.I.R.
 ( Unione Italiana Ristoratori)
www.cavour.info/tuttomele



domenica 2 novembre 2014

Scrippelle 'mbusse per "L'Italia nel Piatto"



Benvenuti all'appuntamento con "L'Italia nel Piatto" il tema prescelto è:

Comfort Food . Con il termine inglese “Comfort food”, sempre più in voga anche in Italia, si indicano gli alimenti o i piatti che pervadono di un senso di piacere chi li consuma, che soddisfano un bisogno emotivo e sono noti per la sensazione di benessere che regalano al corpo.

 L’aggettivo inglese “comfort” si presta a più interpretazioni: dalla capacità del cibo di confortare, consolare, coccolare a quella di ristorare.

Come Ambasciatrice dell'Abruzzo oggi vi propongo una ricetta  dal sapore delicato, uno dei piatti più raffinati della cucina abruzzese.

Le Scrippelle ' mbusse


 esse si presentano come sottili "frittatine" preparate con farina , uova e acqua. La loro versione "mbussa", ossia bagnate con brodo, è una ricetta tipica del teramano.

Ingredienti:

6 uova
200 gr. di farina
500 ml di acqua
parmigiano q.b.
olio


Per il brodo:
300/400gr. di punta di petto di manzo,
300/400 gr. di muscolo
1 ala di tacchino
1 ciuffo di prezzemolo
1 gambo di di sedano
 ½ cipolla, 1 carota gialla
 una scorzetta di parmigiano
 sale q.b.

Per la pastella ho sbattuto le uova, unito la farina e poi, poca alla volta, l’acqua (in caso di grumi passare il composto attraverso un colino), ho mescolato e lasciato riposare per circa 1 ora.


Ho riscaldato una padella da crêpe , spennellandola con pochissimo olio.
Ho versato un mestolino di pastella, stendendola uniformemente e creando uno strato molto sottile, ho fatto cuocere e quando i bordi si sono staccati, ho girato e e fatto cuocere anche dall’altra parte.

Su ogni scrippella ho spolverizzato del parmigiano grattugiato, arrotolato, ne ho disposto tre in ogni piatto, ho scaldato il brodo di gallina e versato bollente sulle scrippelle.





Ed ora Vi invito a scoprire le altre ricette:

Trentino-Alto Adige:  Pane di molche (El Pam de molche) con le noci 
  
Friuli-Venezia Giulia:  Goulash di oca alla friulana con polenta e frico croccante 

Lombardia: Ravioli di zucca (Raviöi de ssüca)

Veneto: Pearà


Piemonte: Non partecipa




Lazio: Minestra di ceci e castagne 



  


Basilicata: Lagane e ceci




Sicilia: I taralli siciliani - http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2014/11/i-taralli-siciliani.html

Seguiteci anche su:http://litalianelpiatto.blogspot.it/p/chi-siamo.html


giovedì 30 ottobre 2014

Muffins al cioccolato per la Festa di Halloween



Oggi ho preparato dei golosi Muffins al cioccolato, ottimi anche per la Festa di Halloween, altrimenti come si fa ad essere pronti per "dolcetto o scherzetto"?

Ingredienti:

2 uova
130 gr di zucchero
170 gr di farina
100 ml di latte
100 ml di olio di semi
100 gr di cioccolato fondente
1 cucchiaio di cacao amaro
1 cucchiaino di lievito per dolci
zucchero a velo q.b.

Ho sciolto il cioccolato fondente a bagnomaria. Con le fruste ho lavorato le uova con lo zucchero,il latte e l'olio di semi, infine ho aggiunto il cioccolato fuso.
In un terrina ho preparato gli ingredienti secchi: farina, cacao e lievito che poi ho versato nel composto di uova e cioccolato. Ho mescolato bene con una spatola e versato nei pirottini da muffin fino ad un terzo della loro capacità. Ho infornato a 180 gradi per 20 minuti.
Spolverizzare con zucchero a velo.

lunedì 20 ottobre 2014

Piatto abruzzese: Zucchine e patate (Chicocce e patane)


Buongiorno, oggi Vi propongo un piatto tipico della cucina abruzzese, 
dal sapore semplice e genuino, un piatto vegetariano, considerato povero, ma ricco di sapori. 
Ricordo che mia madre portava questo piatto sulla tavola almeno una volta la settimana 
evitando la pasta o come contorno fresco che accompagnava piatti di carni.
Era di buon gradimento a grandi e piccini.

Ingredienti:
500 gr di zucchine
500 gr di patate
1 pomodoro maturo
1/2 cipolla
1/2 carota
1/2 costa di sedano
sale
olio evo
basilico fresco q.b.
Lavare, tagliare le zucchine e le patate a tocchetti, affettare la cipolla, tritare il sedano e la carota. Fare rosolare, con l’olio, il tutto in un tegame basso di coccio. Unire poi il pomodoro 
tagliato a filetti ed un bicchiere d’acqua. Lasciare cuocere fino a consistenza desiderata, 
salare e aggiungere il basilico fresco. 

Buon appetito!

giovedì 16 ottobre 2014

Il Vino Pecorino d'Abruzzo per L'Italia nel Piatto



Siamo ad Ottobre tempo di vendemmia!!

Oggi è il giorno della seconda uscita dell' Italia nel Piatto, ricette della tradizione, che ha come tema: il Vino.

Come ambasciatrice dell'Abruzzo oggi vi parlerò di uno dei vini tipici della nostra zona.

Il Pecorino d'ABRUZZO :  un vitigno a bacca bianca di antiche origini, le sue tracce risalgono ai tempi delle migrazioni greche in Italia. 
Il nome vitigno è legato alla pratica della pastorizia transumante tipica dell'Abruzzo.  sembra che le pecore andassero pazze per questo tipo di uva perché risultava dolcissima durante il periodo del loro passaggio, metà settembre. 
Essa ha bisogno di colline alte e fresche, matura molto presto e risulta molto zuccherina. Il suo grappolo è di media grandezza, molto allungato, gli acini sono piccoli e tondi di colore giallo verdognolo. I suoi profumi sono molto intensi con delle piacevoli note di frutta tropicale. In bocca si fa apprezzare subito per la sua buona acidità e mineralità. In particolare si apprezzano note di agrumi che ricordano il pompelmo nonché una lieve sensazione di frutta esotica come la papaya. La sua personalità ama distinguersi con piatti di raffinata preparazione. Antipasti e crudi di pesce, crostacei, primi e secondi piatti a base di pesce; ottimo con formaggi freschi o a pasta filata.

I vini da me scelti sono della:



Cantina Tenuta Ulisse






 

UNICO Pecorino Terre di Chieti IGP 

Dai vigneti autoctoni dell’Appennino Centrale nasce il Pecorino della Tenuta Ulisse, che ha le radici in provincia di Chieti su terreni ghiaiosi…
ha un colore luminoso e una bellissima nota agrumata. Si sentono in particolare il cedro e il pompelmo rosa. In bocca si può apprezzare la cremosità e la sapidità .







UNICO Pecorino Brut V.S.Q.

Colore giallo paglierino , profumo intenso grazie alla personalità varietale di frutta tropicale del Pecorino. La nota aromatica colta al naso continua e si sviluppa al palato, diffondendosi in ampiezza e profondità. 








Cantina Eredi Legonziano














METHYS Pecorino Abruzzo DOP SUPERIORE

Dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini; al naso sprigiona gli aromi della frutta tropicale, di fiori bianchi e della ginestra. In bocca è fruttato ed elegante, dal gusto secco e gradevole con una spiccata sapidità ed una lunga persistenza. 








Ed ora Vi invito a scoprire le altre ricette:


Trentino-Alto Adige:  Vellutata al vino Lagrein Kretzenhttp://www.afiammadolce.it/2014/10/vellutata-al-vino-lagrein-kretzen.html


Friuli-Venezia Giulia: Colli orientali del Friuli Picolit  DOCG


Lombardia: I vini DOC di San Colombano al Lambro

Veneto: 


Piemonte: 


Emilia Romagna: Sorbetto alla MalvasiaDOC Colli Piacentini http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/10/sorbetto-alla-malvasia-doc-colli.html

Lazio: Anguilla alla marinara



Abruzzo:Il Vino Pecorino d'Abruzzo 




Umbria: Bocconcini di Mailae con Prugnole e Rubesco http://amichecucina.blogspot.com/2014/10/bocconcini-di-maiale-con-prugnole-e.html

Basilicata: NON PARTECIPA

Campania: Piedirosso Bio Igt V Campania 


Calabria:Greco di Bianco, il vino più antico d'Italia.

Sicilia: Gelatine allo Zibibbo

Sardegna:

Il nostro blog L'Italia nel Piatto http://litalianelpiatto.blogspot.it/